Skip to the content

Sfida, Contesto e motivazione

Sfida

Il Bando “Fermenti” - come previsto all’art. 2 - finanzia progetti finalizzati ad affrontare una o più delle seguenti sfide sociali:

  • Uguaglianza per tutti i generi;
  • Inclusione e partecipazione;
  • Formazione e cultura;
  • Spazi, ambiente e territorio;
  • Autonomia, welfare, benessere e salute.

Contesto e motivazione

Nella “Scheda di proposta progettuale” (Allegato 13) - Parte III, sezione “3. Contesto e motivazione” si dovrà descrivere la realtà sociale, territoriale e/o settoriale nella quale la proposta progettuale si dovrà realizzare e produrrà i suoi effetti.

In questa sezione, nello specifico, occorre specificare:

  • Definizione del contesto di riferimento, inteso in senso sociale e/o territoriale e/o settoriale;
  • Descrizione del problema e/o bisogno e/o criticità rilevata, nei confronti del quale/della quale la proposta progettuale intende fornire una possibile soluzione;
  • Identificazione dell’offerta di soluzioni attualmente già disponibili e dei relativi limiti, che la proposta progettuale ambisce a superare;
  • Descrizione della motivazione che spinge il soggetto proponente (Gruppo informale o ATS) a realizzare un progetto che risponda alla sfida individuata.

Lo spazio previsto per la compilazione della sezione “3. Contesto e motivazione” è limitato a 15 righe, carattere Arial 10, interlinea 1,5. Pertanto, tale descrizione dovrà essere al contempo efficace e sintetica.

Nella Parte III, sezione “4. Obiettivi” è richiesta una descrizione dell’obiettivo generale e di quelli specifici della proposta progettuale.

Per obiettivo generale si intende il risultato migliorativo di lungo periodo, in termini di benefici di tipo sociale, dei quali tutta la comunità in generale – e non solo i destinatari della proposta progettuale – potrebbe usufruire.

Per obiettivi specifici si intendono i risultati migliorativi riscontrati in termini di benefici tangibili, che i destinatari della proposta progettuale otterrebbero attraverso la realizzazione della proposta stessa.

Anche in questo caso, lo spazio dedicato alla compilazione del punto “4. Obiettivi” è limitato a 15 righe, carattere Arial 10, interlinea 1,5. Pertanto, tale descrizione dovrà essere al contempo efficace e sintetica.

Facciamo un esempio

Supponiamo che il progetto consista nell’introduzione di nuove tecnologie nei processi didattici delle scuole secondarie di un quartiere “difficile” di una determinata città.

L’obiettivo generale è quello di facilitare il successivo collocamento dei giovani nel mondo del lavoro.

Gli obiettivi specifici potrebbero consistere in una serie di attività volte a stimolare l’interesse degli studenti all’apprendimento di determinate competenze di natura tecnologica e scientifica, ovvero:

  • la sperimentazione di moduli didattici innovativi per insegnare agli studenti a programmare;
  • l’introduzione di metodologie laboratoriali che prevedano l’interazione tra gli studenti attraverso l’uso delle nuove tecnologie;
  • la realizzazione di percorsi di formazione tecnologica per i docenti.